Categoria : SPORT

Matera: venti anni del trofeo giovanile di calcio "Gaetano Scirea". 'Start' il 10 giugno a Taranto

Scritto da Redazione

Sport

c_600_459_15658734_00_images_sport_scirea_coppa.jpgE' in moto la macchina organizzativa della Coppa “Gaetano Scirea”, torneo internazionale under 16, giunta al ventennale, degna del suo blasone e prestigio. In attesa della conferenza stampa che si terrà a Matera, patrimonio UNESCO e Capitale Europea della Cultura 2019, dove verrà presentato ufficialmente il calendario della manifestazione e le tante novità che caratterizzeranno l’edizione 2016, dagli organizzatori filtrano alcune indiscrezioni.
 
Il torneo si aprirà ufficialmente il 10 giugno a Taranto, i quarti di finale si giocheranno il 15 giugno, le semifinali il 16, la finale per il 3° e 4° posto il 17 a Monopoli, la finale a Matera il 18 giugno. Importante quest’anno la presenza di città come Taranto, di Gravina che ospiterà alcune della partite più importanti del torneo e di Monopoli che sarà sede del Gran Gala dello Sport, di Venosa la città di Orazio. Sono state rese note le sedi ufficiali del torneo: Matera, Tursi e Venosa per la Basilicata; Gravina in Puglia, Taranto, Monopoli, Castellaneta, Ginosa e Toritto per la Puglia. Confermate ufficialmente le 16 partecipanti, suddivise nei seguenti gironi: Girone A:  Juventus, Ajara, ASD Toritto/ASD Paolo Digiorgio, Bari; Girone B: Milan, Urawa Gakuin, Monopoli, Tor Tre Teste RM; Girone C: Nazionale Lnd, Partizan Belgrado, Matera, Rappresentativa Figc Basilicata; Girone D: Roma, International Porto Alegre, Crotone, Catania.
 
La vera novità dell’edizione numero XX è la partecipazione della squadra nipponica Urawa Gakuin. La presenza di questa importante squadra di college la si deve a Hiroshi Komatsuzaki, in forza al Matera calcio la scorsa stagione e oggi inserito nello staff del Parma Calcio 1913. Incuriosito dai manifesti della manifestazione presenti a Matera, ha contattato gli organizzatori e costruito quel ponte di contatto tra i due continenti permettendo così ad una squadra del Sol levante di partecipare per la prima volta al prestigioso torneo. Questa è l’anima dello Scirea Cup. Un ponte di sport e di civiltà tra popoli e  nazioni.