Categoria : SOCIETA'

Olio extravergine anti-tumore, scoperta dell’Università di Bari

Scritto da Roberto Rizzo

Società

c_150_100_15658734_00_images_olio_4.jpg
La varieta' di olio extravergine di oliva piu' ricca di polifenoli ha un potente effetto benefico sulla nostra salute e, soprattutto, ha un'azione antiinfiammatoria e antitumorale. Lo dimostra lo studio di nutrigenomica condotto da un gruppo di ricercatori dell'Universita' di Bari (guidato dal prof. Antonio Moschetta, docente di Medicina Interna della facolta' medica barese).
Protagoniste dello studio sono proprio le varieta' o "cultivar" pugliesi, dalla Coratina alla Peranzana: i ricercatori - partiti dal presupposto che l'olio extravergine d'oliva rappresenta un target ideale per gli studi di nutrigenomica - si sono concentrati su come i nutrienti influenzino il nostro organismo.
"La scoperta sorprendente -affermano i ricercatori - e' che ogni cultivar di olio extravergine d'oliva e' cosi specifica da percorrere strade individuali 'accendendo' geni precisi nel nostro organismo. In altre parole, ogni tipo di olio va considerato come un alimento diverso".  "Lo studio - spiegano i ricercatori - ha confermato in pieno che l'olio extravergine d'oliva ricco in polifenoli giova alla salute non solo da un punto di vista metabolico, ma anche sullo stato ossidativo, sull'infiammazione e sulla prevenzione dell'aterosclerosi e del cancro".
Questi risultati aprono nuovi ed inediti scenari in ambito nutrizionale: "E' possibile prevedere - spiega Moschetta - che in un prossimo futuro ogni ristoratore dovra' avere, insieme alla carta dei vini, anche quella degli olii, e che la scelta di questi ultimi sara' basata sul gusto e sulle proprieta' nutrigenomiche"