Categoria : CRONACA

Maltempo: Torna la normalità a Matera. E si scoprono storie a lieto fine

Scritto da Redazione

Cronaca

E' quasi del tutto tornata la normalità a Matera dopo l'emergenza neve che ha creato non pochi problemi. Ancora difficoltà nell'entroterra, soprattutto nella zona di Tricarico, ma in netto miglioramento. Passata la bufera, affiorano anche le storie a lieto fine. Drammi che, invece, sono terminati al meglio.

 
Come la storia di un'anziana donna disabile, di 89 anni, che e' stata soccorsa da due agenti della Polizia di Stato nella propria abitazione a Matera dove ha rischiato di morire soffocata per un principio di incendio nei giorni scorsi. Gli agenti di una Volante, su disposizione della Sala Operativa, sono stati allertati da una telefonata con il cellulare fatta dalla stessa vittima, nel frattempo caduta in casa. L'aria era stata resa irrespirabile da un denso fumo provocato da una pentola lasciata sul fornello acceso con dell'olio e del cibo che si e' completamente carbonizzato. La donna era praticamente intrappolata. Gli agenti, giunti sul posto, in contrada Quartarella, hanno aperto a spallate la porta di ingresso, hanno soccorso la donna rimettendola sulla sedia a rotelle e portandola al sicuro all'esterno e poi hanno chiuso il gas ed aperto le finestre per liberare gli ambienti. Nel frattempo dalla pentola gia' si stavano sprigionando delle fiamme che potevano raggiungere i mobili e provocare un incendio. La donna e' stata poi affidata al 118 e trasportata in ospedale.
 
Oppure come la storia di un 20enne che e' stato accompagnato dalla polizia martedi' sera per poter essere sottoposto ad un importante intervento chirurgico, presumibilmente un trapianto, all'ospedale ''Di Venere'' di Bari-Carbonara. Martedì sera le strade erano impercorribili per le nevicate ed il ghiaccio. La situazione era delicata per il ventenne, in lista d'attesa da sette mesi per un intervento ai reni, che rischiava di non poter raggiungere il capoluogo pugliese, distante poco piu' di una sessantina di chilometri. Presa dalla disperazione, la mamma ha chiamato la Polizia. Un'auto della Squadra Volante, appositamente equipaggiata, e' stata messa a disposizione del giovane che e' stato letteralmente ''scortato'' dai poliziotti, raggiungendo il nosocomio dove l'equipe medica l'attendeva per operarlo. Oggi e' giunta in Questura la notizia dell'esito positivo dell'operazione, insieme ai ringraziamenti della famiglia.