Categoria : CRONACA

Altamura: Anziana sacrestana è morta soffocata

Scritto da Onofrio Bruno

Cronaca

c_70_63_15658734_00_images_nuove_NATRELLA_Palma.jpgPalma Natrella è morta soffocata.

L'autopsia, che si è svolta ieri all'ospedale "Miulli" di Acquaviva, conferma i primi esiti medico-legali che già avevano escluso le cause naturali.

c_550_491_15658734_00_images_nuove_NATRELLA_Palma.jpgDell'esame autoptico non si conoscono tutti gli esiti anche perché i risultati di alcuni esami, sui tessuti ad esempio, si avranno fra diversi giorni. Su incarico conferito dal magistrato Manfredi Dini Ciacci, il dottor Vito Romano, responsabile dell'unità di medicina legale dell'ospedale "Miulli", alla presenza delle parti (avvocati della famiglia di Palma Natrella e dell'indagato) ha effettuato ieri i necessari accertamenti.

Il corpo della 88enne presenta segni localizzati prevalentemente sul volto, in particolare nella zona degli occhi che è tumefatta per la compressione di una mano su occhi, baso, bocca e gola, presumibilmente una maniera per non farla urlare. Non ci sono altri segni rilevanti di violenza. Le tracce sul letto, di sangue e vomito, sono riconducibili al soffocamento.

La gente sta portando dei fiori in via Madonna dei Martiri, dove Palma Natrella abitava, vicino alla porta su cui ci sono i "sigilli" dei carabinieri che per due giorni hanno effettuato i rilievi. C'è ancora molta commozione per la tragedia che ha colpito una persona che per tutta la vita aveva servito la comunità delle Clarisse e si era dedicata agli altri. Anche se viveva sola (era nubile), era accudita da parenti che si prendevano cura di lei e che mai avrebbero potuto immaginare un epilogo così forte e inaccettabile.

I funerali si tengono domenica 29 novembre, alle ore 11, in Santa Chiara.

Per l'omicidio della sacrestana del convento delle Clarisse è in carcere Pietro Papangelo, 39 anni, sottoposto a provvedimento di fermo, in attesa della decisione sulla convalida che è attesa per stamane. E' sospettato di aver ucciso la donna dopo essere entrato in casa sua nella notte tra martedì e mercoledì, con intenti ancora non chiari. Si è ipotizzata la rapina finita male anche se c'era poco o niente da rubare in casa di Palma Natrella. Interrogato dai carabinieri, Papangelo ha negato la sua presenza in quell'appartamentino. Finora è stato individuato sulla base delle descrizioni dei testimoni. Mentre non sono ancora cominciate le comparazioni con le tracce e le scarpe trovate sul posto.

AGGIORNAMENTI

Torna libero Papangelo (27.12.2009)