Andria - La "sopravvivenza" di lusso di un bracciante andriese. Confiscata villa con piscina, oliveto e beni mobili per 1 mln di euro

Scritto da Redazione

IN EVIDENZA

c_800_454_15658734_00_images_villa_bracciante.PNG

Ieri mattina i carabinieri di Andria hanno eseguito un decreto di confisca, emesso dal Tribunale di Trani su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, nei confronti di Di Bari Alberto, 42enne del luogo, attualmente sottoposto agli arresti domiciliari, pluripregiudicato con precedenti penali di detenzione illegale di armi e munizioni, contrabbando e furto aggravato.
Le indagini patrimoniali hanno avuto inizio dopo che il 18 marzo 2015 lo stesso Di Bari, in seguito ad un’attività d’indagine condotta dai carabinieri di Bari, venne tratto in arresto, insieme ad altre 17 persone, per il reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, con l’aggravante del metodo mafioso. Nel corso dell’attività investigativa i carabinieri eseguirono un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del capoluogo, sgominando una pericolosa organizzazione criminale di narcotrafficanti, di cui Di Bari faceva parte, attiva nel nord barese e capeggiata da Griner Filippo, 32enne andriese, attualmente sottoposto al regime detentivo speciale. Quella disarticolata nel 2015 risultò essere un’organizzazione capace di gestire autonomamente il mercato della droga, principalmente nei comuni di Andria e Bisceglie, forte anche del possesso di un arsenale di armi da guerra, compreso un kalashnikov. Di Bari fu scarcerato dopo 15 giorni dal riesame per mancanza di esigenze cautelari per poi essere condannato dal Tribunale di Bari, a seguito del rito abbreviato, a quattro anni e otto mesi di reclusione e 20 mila euro di multa, in ordine al reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Attualmente lo stesso Di Bari è detenuto agli arresti domiciliari in quanto tratto in arresto lo scorso 3 febbraio 2016, unitamente ad altre cinque persone, in relazione ai reati di rapina aggravata, detenzione e porto illegale di armi, tra cui un fucile a canne mozze calibro 12, una pistola semiautomatica calibro 40, ricettazione di due autovetture entrambe dotate di lastre in acciaio apposte sugli schienali dei sedili posteriori ed altro, per fatti accertati ad Andria nel mese di gennaio 2015.
Gli accertamenti patrimoniali avviati nei confronti dell’andriese hanno evidenziato come il pregiudicato abbia nel tempo mantenuto un tenore di vita notevolmente superiore alla proprie reali possibilità economico–finanziarie e capacità reddituali, che sulla carta si assestavano al limite della soglia di sopravvivenza. Proprio da questa preliminare analisi, maturò il convincimento degli inquirenti, suffragato dall’esito delle suddette verifiche, che quello del Di Bari fosse un patrimonio illecitamente accumulato con proventi di attività delittuose.
Il provvedimento eseguito nella giornata di ieri riguarda una villa di lusso – completa di piscina, arredi, impianti tecnologici, videosorveglianza e suppellettili di pregio - con annesso appezzamento di terreno nonché due auto e motoveicoli, un conto corrente ed un libretto di deposito bancario.
L’intero patrimonio, del valore di circa 1 milione di euro, è stato sottoposto a confisca e affidato al custode giudiziario nominato dal Tribunale di Trani, non essendo prevista la facoltà d’uso sia per i familiari che per il proposto.