Bari- 12enne deceduta dopo intervento al femore: indagati due medici, un chirurgo e un anestesista

Scritto da Redazione

IN EVIDENZA

c_800_430_15658734_00_images_giovanni_23esimo.PNG

Due medici, un chirurgo e un anestesista.
Queste, ad ora, le persone indagate per omicidio colposo in seguito alla scomparsa della ragazzina di 12 anni, deceduta dopo aver subito un intervento di riduzione di una frattura al femore presso l’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, probabilmente a causa di una ipertermia maligna.
Sul caso sta indagando il pm Bruna Manganelli, che ha aperto un’indagine disponendo l’acquisizione delle cartelle cliniche, nonché l’autopsia.
Stando alle ricostruzioni, la 12enne sarebbe arrivata all’ospedale con una frattura al femore nel pomeriggio del 19 Settembre 2017 e in seguito sarebbe stata immediatamente sottoposta ad intervento chirurgico.
La giovane poi, a causa di un innalzamento improvviso della temperatura corporea, fino ai 44 gradi, non si sarebbe più risvegliata.
Sarà l’autopsia ad accertare se quella febbre altissima sia riconducibile, come ipotizzato, ad una ipertermia maligna, patologia congenita che si manifesta proprio nell’interazione con alcuni farmaci, come quelli dell’anestesia.