Bosco: intesa tra Comune di Gravina e Regione. Al vaglio misure per la riqualificazione

Scritto da Redazione

IN EVIDENZA

 gravina conferanza.PNG

Una deroga alla normativa vigente, per rendere possibili azioni di rimboschimento. E poi, sotto il profilo della prevenzione, due misure concrete: istituzione di un distaccamento dell’Arif ed utilizzo delle acque reflue di depurazione per ostacolare gli incendi. In aggiunta, modifiche al piano di gestione dell’area boschiva per rendere possibile l’adozione di ulteriori misure.
Sono le decisioni prese durante la seduta di giunta comunale convocata dal sindaco Alesio Valente svoltasi ieri mattina presso il centro visite del Bosco Difesa Grande, alla presenza dell’assessore regionale all’ambente, Filippo Caracciolo, del dirigente del settore forestazione della Regione, Domenico Campanile, e del funzionario del servizio regionale risorse idriche, Michele Calderoni. All’ordine del giorno, le iniziative da assumere dopo l’incendio doloso che a ridosso del Ferragosto ha ridotto in cenere parte del polmone verde gravinese.
«Siamo venuti qui – ha spiegato l’assessore Caracciolo – per tener fede agli impegni presi già nelle ore dell’incendio, ma anche per testimoniare la piena disponibilità della Regione a costruire, insieme al Comune, percorsi virtuosi di fronte ad atti vili, che hanno inferto gravi ferite al territorio». Come confermato anche da Valente e Caracciolo, Regione e Comune si costituiranno parte civile se dovessero scaturire procedimenti giudiziari dalle indagini in corso.
Dopo un’ora di confronto, sono state presentate inoltre le azioni pianificate dal Comune che saranno oggetto di ulteriori approfondimenti in successivi incontri, il primo dei quali già in calendario per la giornata di giovedì prossimo. La riqualificazione del Bosco resta un punto fermo dell’amministrazione Valente. Derogare la legislazione vigente, per poter effettuare operazioni di rimboschimento senza attendere il decorso dei 5 anni previsti per legge; istituire un distaccamento dell’Arif a Difesa Grande; richiedere fondi per la revisione del piano di gestione del Bosco e per la redazione del piano di assestamento; risanare l’ambiente mediante l’utilizzo delle acque reflue del vicino depuratore comunale: sono le misure che il Comune ha messo per iscritto nella delibera adottata dalla giunta di concerto con la Regione.
«Si tratta di misure pratiche e possibili», ha confermato l’assessore Caracciolo: «In particolare sulla deroga è in corso un ragionamento che coinvolge l’intero territorio regionale, interessato in più punti dagli incendi estivi». Ha quindi aggiunto l’assessore: «Iniziamo da qui per andare oltre, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili. Punteremo ad accrescere anche il livello di sicurezza, con l’aiuto della tecnologia, ben sapendo che non esiste nulla che possa impedire a mani criminali di poter colpire». Un punto sul quale si è soffermato anche il primo cittadino, richiamando tutte le iniziative di prevenzione messe in campo nei mesi passati, «che hanno consentito di sventare quattro attentati incendiari», lanciando altresì un invito alla città a «non dividersi ma a ricercare unità e sintonia per poter quanto prima restituire alla sua bellezza il nostro Bosco. Dal canto nostro, favoriremo il dialogo ed il confronto con i movimenti e le associazioni come col consiglio comunale e le forze politiche».