Puglia- Legge di Bilancio: nuove agevolazioni universitarie per gli studenti con Isee basso

Scritto da Redazione

IN EVIDENZA

c_800_533_15658734_00_images_universit.jpg

A partire da quest’anno studiare nelle Università statali costerà meno.
Un’importante novità per tutti gli studenti universitari, resa possibile grazie alla Legge di Bilancio, che impone vantaggiose disposizioni.
Per le matricole che rientrano  nella fascia di reddito Isee inferiore ai €13.000,00, ossia circa 600mila famiglie, l’iscrizione sarà gratuita; vi sarà solo un versamento da effettuare per una cifra pari a 140,00 euro, per l’imposta regionale per il diritto allo studio, ed un bollo pari a 16,00 euro.
Per legge poi, le università statali non possono istituire ulteriori tasse o contributi a carico degli studenti fino al rilascio del titolo finale di studio, fatta eccezione per i contributi per i servizi prestati su richiesta.
Iscriversi sarà gratis anche per gli anni successivi per gli studenti in corso, o iscritti al primo anno fuori corso, che hanno maturato uno specifico numero di crediti.
Per l’iscrizione al secondo anno accademico, l’iscrizione gratuita è prevista per tutti gli studenti che entro e non oltre il 10 agosto del primo anno avranno ottenuto almeno 10 crediti formativi.
Riguardo agli anni successivi, sarà necessario ottenere almeno 25 crediti nei dodici mesi antecedenti la data del 10 agosto precedente all'iscrizione al nuovo anno accademico.
Per coloro che appartengono a fasce di reddito più elevate, sono previsti invece alcuni sconti: per gli studenti in regola che rientrano nella fascia reddito Isee superiore a 13.000 euro ma inferiore ai 30.000, l'importo massimo da pagare è pari al 7% della quota di Isee eccedente i 13.000 euro.
Coloro che sono iscritti fuori corso da oltre un anno, potrebbero invece pagare anche fino al  50% della differenza Isee, con un minimo dovuto per legge, però, di 200 euro.
I dottorandi che non sono beneficiari di borsa di studio non dovranno invece pagare tasse a prescindere dal reddito.