Il Comune di Gravina stanzia 40.000 euro per accesso ai canoni di locazione. A disposizione delle fasce più deboli 148.000 euro

Scritto da Redazione

IN EVIDENZA

contratti di locazione o affitto.jpg

Il Comune di Gravina ha deciso di attingere al bilancio per integrare, con risorse proprie, il finanziamento ricevuto dalla Regione per le misure di sostegno all’accesso ai canoni di locazione, in riferimento all’annualità 2015. Su proposta dell’assessore alle politiche sociali Felice Lafabiana, Palazzo di Città ha deliberato di integrare con risorse di bilancio i 108.000 euro trasferiti al Municipio gravinese dall’amministrazione regionale a titolo di contributo da destinare ai percettori di redditi bassi residenti in immobili ottenuti in locazione. Una somma alla quale si aggiungeranno altri 40.000 euro di matrice comunale, portando così lo stanziamento complessivo a 148.000 euro, al fine di ampliare la fascia dei beneficiari della misura. Gli amministratori comunali fanno sapere che la decisione è stata presa alla luce del persistere delle conseguenze della crisi e delle condizioni di precarietà economica e lavorativa ancora diffuse in larghi strati sociali. La concretizzazione delle indicazioni fornite dall’organo di governo è stata demandata al dirigente dell’area amministrativa, con l’invito a procedere all’adozione dei successivi provvedimenti gestionali ed organizzativi, ovvero l’indizione dell’avviso pubblico, l’istruttoria delle domande e la formazione delle graduatorie.