Lotta agli incendi: convenzione tra Comune di Gravina e Arif

Scritto da Redazione

IN EVIDENZA

incendi bosco difesa grande.PNG

Nuove forze in campo per prevenire ed arginare il fenomeno degli incendi. Specie da qui a metà agosto, quando le temperature sfonderanno la barriera dei 40 gradi. Il Comune di Gravina in Puglia, colpito nei giorni scorsi da vasti incendi che hanno interessato le aree a ridosso del bosco Difesa Grande ha sottoscritto una convenzione con la Regione Puglia per ottenere il distacco proprio dalle parti del Bosco di diverse unità dell’Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali. «Il protocollo prevede una presenza quotidiana degli operatori Arif a Gravina», spiega il comandante della Polizia Municipale, maggiore Nicola Cicolecchia, incaricato di curare la fase attuativa dell’intesa: l’Arif metterà a disposizione i suoi uomini, il Comune fornirà un furgone pk dotato di modulo antincendio. Così, fino al 15 Settembre, la squadra Aib sarà di stanza a Difesa Grande, pronta ad intervenire tempestivamente in caso di necessità. Il sindaco Valente ricorda che, già dagli inizi di luglio, è attivo il servizio antincendio, finanziato interamente dal Comune: ogni giorno e fino a fine settembre dalle 8 alle 20 è assicurato il servizio di vedetta in due postazioni: l’una situata nel cuore del Bosco, l’altra in contrada Rifezza. «Appena vedono levarsi in cielo un filo di fumo», spiega Cicolecchia, «le vedette avvisano Protezione Civile comunale e Polizia Municipale, per il primo controllo e, se necessario, l’avvio delle attività di contenimento dell’incendio, con i due mezzi antincendio a disposizione dell’ente, nell’attesa dell’intervento dei Vigili del Fuoco ed eventualmente dei mezzi aerei». A dar man forte anche un’autobotte che garantisce ai soccorritori l’immediatezza dei rifornimenti idrici. Uno schema collaudato nei giorni scorsi, in particolare in località San Mauro, e che ha dato buoni risultati in termini di efficacia, consentendo di limitare i danni ed evitare che il fuoco potesse attaccare il sorvegliato speciale Difesa Grande. Nelle prossime ore sostegno arriverà anche dal cielo, con l’impiego del drone della Polizia Municipale, che sarà utilizzato per sorvegliare la zona e dare filo da torcere ad eventuali piromani. «Ce la stiamo mettendo tutta sul versante della prevenzione – conclude Valente – per scongiurare che il nostro patrimonio boschivo resti vittima di incendi che, il più delle volte, come verificatosi di recente, sono dolosi. Per noi il Bosco, ma più in generale l’ambiente e tutte le aree verdi gravinesi, sono una risorsa: tutelarle vuol dire combattere una battaglia di civiltà. Anche per questo ho chiesto alle forze dell’ordine, in particolare ai Carabinieri Forestali, un impegno ancor più assiduo di quello comunque sin qui assicurato con sacrificio e dedizione. Abbiamo bisogno di unire gli sforzi per riuscire in questa impresa. Per quanto ci riguarda, non lasceremo nulla di intentato».