Crisi idrica, governatore lucano Pittella: "Il sistema Basilicata regge ma chiederemo convocazione tavolo nazionale"

Scritto da Redazione

IN EVIDENZA

c_800_417_15658734_00_images_pittella_braia.PNG

“Chiederemo al governo la convocazione di un tavolo nazionale per affrontare in maniera costruttiva il tema. Questa mattina abbiamo fatto il punto sulla emergenza che sta riguardando anche la nostra Regione, con conseguenze in particolare sul comparto agricolo. Ad oggi, non esistono le condizioni per richiedere lo stato di calamità”, lo ha dichiarato il governatore lucano Marcello Pittella nel corso di una nuova riunione del tavolo tecnico sulla emergenza idrica tenutasi nella sala Verrastro della Regione, a cui hanno partecipato anche l'assessore regionale all'agricoltura, Luca Braia, e i rappresentanti dell'Eipli, del Consorzio di Bonifica e dell'Autorità di bacino.
Nelle dighe della Basilicata ci sono circa 170 milioni di metri cubi in meno rispetto al 2016, anno già scarso dal punto di vista dell'accumulo di risorse idriche, ma il sistema lucano, da cui dipende anche quello pugliese e in parte quello calabrese, ha retto per le misure messe in campo e la buona regia che ha portato a un uso razionale scongiurando il razionamento.   
"Oltre al tavolo di coordinamento - ha aggiunto Pittella - con tutti i soggetti interessati alla gestione della risorsa idrica, è quanto mai necessario aprire una interlocuzione per iniziare a programmare di concerto con il governo le azioni strutturali da mettere in campo”. Pittella, in particolare, ha chiesto un "tavolo tecnico" nazionale, che si aggiunga al comitato regionale, per "programmare in rete azioni strutturali da mettere in campo per il futuro".