Bari- Maxi confisca al re delle slot machines

Scritto da Federica Scaccia

IN EVIDENZA

c_800_313_15658734_00_images_carabinieri-1440x564_c.jpg

I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari stanno eseguendo una confisca di beni per un valore pari a 50mln di euro, tra le province di Bari, Taranto, Messina e Matera. Il provvedimento è stato emesso nei confronti di un 68enne gravinese, pregiudicato per bancarotta fraudolenta, truffa e ricettazione, tutti reati commessi tra gli anni ‘70 e gli anni ’90, con una sistematicità tale da acclararne la “pericolosità sociale”, secondo quanto sancito dalla normativa Antimafia vigente. Grazie ad un’accurata indagine patrimoniale del Nucleo Investigativo del Capoluogo pugliese, è stato possibile scoprire che l’indagato, pur dichiarando un reddito molto basso al fisco, appena sufficiente a soddisfare i minimi bisogni familiari, avesse un tenore di vita molto elevato, tanto da consentirgli di mettere su un vero e proprio impero, in modo particolare nel settore delle slot machines, tramite la costituzione di diverse società di capitali, nelle quali sono confluite ingenti somme di denaro, frutto delle sue attività illecite. Risulta riconducibile al gravinese e ai suoi familiari, il compendio aziendale di 6 società confiscate ed operanti nel settore degli apparecchi da gioco, costituito da 1.500 slot machines, posizionate in centri scommesse ed esercizi pubblici localizzati in tutto il territorio nazionale. Le altre ricchezze oggetto della misura ablativa sono: 1 società operante nella produzione e il commercio di arredi per locali pubblici, 1 società avente ad oggetto sociale la gestione di un call center, 1 società avente oggetto sociale la gestione di un pub birreria in Altamura, 1 Bed & Breakfast sito nel centro di Gravina in Puglia, 4 ville, 12 appartamenti, 7 locali commerciali, 1 capannone industriale, 18 quote di proprietà di altrettanti appartamenti facenti parte di una multiproprietà inserita in un complesso turistico in Letojanni (ME), 10 autovetture ad uso aziendale e privato, 38 rapporti di conto corrente bancario.