Latte: origine obbligatoria in etichetta dal 19 aprile

Scritto da Pasqua Disabato

IN EVIDENZA

etichetta latte.jpg

Entra in vigore da oggi l'obbligo di indicare in etichetta l'origine del latte e dei prodotti lattiero-caseari, come previsto dal decreto "Indicazione dell'origine in etichetta della materia prima per il latte e i prodotti lattieri caseari”, firmato dai ministri delle Politiche Agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda.
“Ben 80mila mucche da latte presenti in Puglia possono finalmente mettere la firma sulla propria produzione di latte, formaggi e yogurt – sottolinea Coldiretti Puglia – che è garantita a livelli di sicurezza e qualità superiore, grazie al sistema di controlli realizzato dalla rete di veterinari più estesa d'Europa, ma anche ai primati conquistati a livello nazionale e comunitario con 2 DOP e 17 formaggi riconosciuti tradizionali dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali”.
Per il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, è un grande successo per tutto il mondo agricolo e per gli allevatori che versano in una grave situazione per colpa del prezzo del latte troppo basso e delle importazioni di latte e prodotti semilavorati dall'estero, utilizzati per fare mozzarelle e formaggi spacciati per “Made in Puglia”.
In Puglia a fronte dei 1.939 allevamenti che producono 3,6 milioni di quintali di latte bovino, le importazioni di latte dall'estero raggiungono i 2,7 milioni di quintali e i 35mila quintali di prodotti semi-lavorati. Dai dati di Coldiretti Puglia emerge che le stalle sopravvissute con grande difficoltà sono appena 2.700.
L'insidia alla salute dei consumatori e l'erosione della capacità di competere degli allevatori e dei coltivatori è dipesa finora principalmente da un fattore, dall'assenza di etichettatura obbligatoria sull'origine delle materie prime.
In occasione dell'entrata in vigore del decreto, sempre secondo un’indagine condotta da Coldiretti, due confezioni di latte a lunga conservazione su tre sono già in regola con la nuova etichetta di origine che consente di smascherare il latte straniero spacciato per italiano.
In etichetta dovranno essere indicati il paese di mungitura, il paese di condizionamento e il paese di trasformazione.